COS’E’ LO STRESS


Mi capita spesso di assistere a conversazioni in cui si parla di stress. Il più delle volte chi parla di stress lo fa in modo non appropriato. Eppure è una cosa che riguarda moltissime persone; viene addirittura definita come uno dei principali mali del nostro tempo.

Vediamo allora di fare un po’ di chiarezza e sfatare alcuni luoghi comuni sullo stress.

Molti usano il termine stress come sinonimo di stanchezza o di fastidio. “In questi giorni sto lavorando molto, sono stressato”, oppure: “Mia moglie mi stressa, mi ripete sempre le stesse cose”.

Questo modo di intendere lo stress è sbagliato o troppo riduttivo. Lo stress in realtà è qualcosa di molto più complesso e articolato.

Intanto lo stress non è necessariamente una cosa negativa: si tratta della risposta del nostro organismo ad una situazione problematica, stressante, che richiede di essere affrontata e risolta. La reazione di stress ci permette di mobilitare tutte le nostre energie e risorse per gestire al meglio l’evento stressante, che può essere di vario tipo (un incidente, una separazione, un trasferimento, un esame). Lo stress quindi ci prepara al cambiamento, e permette di adattarci alle situazioni nuove. Non c’è vita senza cambiamento. Questo tipo di stress è quello che viene chiamato acuto, cioè temporaneo, limitato alla durata dell’evento stressante.

Lo stress che è pericoloso, perchè ci causa un malessere psicologico e ci predispone a una serie di disturbi fisici è il distress o stress cronico. Cosa significa?

Significa che la risposta del nostro organismo all’evento stressante continua anche quando non ce n’è più bisogno, oppure è troppo intensa, sproporzionata a quanto richiede la situazione. Se quindi il nostro corpo reagisce ad un pericolo o ad un momento che percepiamo come difficile con uno stato d’allerta, con tachicardia, tensione muscolare, pensieri ricorrenti, stati d’ansia, queste reazioni ci sono d’aiuto perchè ci predispongono ad affrontare le difficoltà al massimo delle energie. Alla lunga però, questo stato di attivazione generale ci logora e non può essere mantenuto con la stessa efficacia.

Normalmente quando l’evento stressante termina, il nostro organismo ritorna ad uno stato di riposo per recuperare le energie. Lo stress cronico si ha quando non siamo più capaci di ritornare a questa condizione di riposo, ma continuiamo a essere sempre all’erta, come a proteggerci da una minaccia che però non è reale perchè l’evento che l’ha scatenato non c’è più.

Alla lunga questa attivazione può dare luogo a disturbi somatici, anche gravi, che vedremo nel dettaglio nei prossimi articoli.

Lo stress quindi non è semplice stanchezza, ma una risposta complessa del nostro organismo e riconoscerlo è importante perchè ci permette di affrontarlo e superarlo al meglio.

stress triste